Escursioni in Valle d'Aosta

Escursioni e Trekking in Valle d'Aosta

Tza Fontaney

Tza Fontaney

26 Settembre 2015 francois.burgay 0 Comments

TZA FONTANEY  – DESCRIZIONE ITINERARIO RACCHETTE DA NEVE

Note caratteristiche: gita da effettuare sia in estate, ma in questo caso può essere allungata fino all’Oratorio di Cuney, che, molto suggestiva, d’inverno con le racchette da neve oppure con gli sci. La poca pendenza complessiva dell’itinerario e la poca esposizione rendono questa gita adatta anche ad un escursionista alle prime armi con le racchette da neve. Camminando ha effettuato questo percorso in inverno, quindi tutte le indicazioni sono relative al periodo invernale.

ITINERARIO
Località di partenza: Artset (1920 m.)
Come arrivare a…: da Aosta si procede in direzione EST lungo la SS26 in direzione Nus. Arrivati a Nus, si imbocca la SR36 per Saint-Barthelemy frazione Lignan (si possono seguire le indicazioni per l’Osservatorio Astronomico della Valle d’Aosta). Giunti al parcheggio di Lignan si prosegue ancora con la macchina seguendo i cartelli segnaletici posti su un’estremità del piazzale del medesimo paese seguendo la direzione “Porliod” fino a raggiungere un ampio parcheggio sottostante l’alpe Artset. Si lascia qui la macchina e si prosegue a piedi
Tempo di percorrenza: 1h30 ore
Dislivello: 403 m.
Segnavia: Segni rossi con sopra disegnate in bianco due racchette da neve.
Itinerario: si lascia la propria vettura nell’ampio parcheggio sottostante l’inizio della pista da fondo (presenza WC), quindi si imbocca la strada poderale innevata fino a raggiungere il Foyer (possibilità di noleggiare le ciaspole). Si segue la pista da sci preferibilmente stando sulla sinistra onde evitare di dare fastidio ai fondisti e si prosegue fino a raggiungere una palina rossa collocata alla propria sinistra. Da qui si abbandona la pista da sci per deviare a destra e risalire un pendio nevoso in direzione di un acquedotto, quindi, sempre in salita, verso la baita Pra de L’Arp. Da qui si continua su strada poderale fino al raggiungimento di un bivio (1h00 – 2127 m): si abbandona il percorso principale per deviare a destra (visibili anche d’inverno i caratteristici segnavia gialli dell’escursionismo estivo) per risalire su terreno più ripido su una mulattiera. Dopo pochi metri, un ampio pianoro immacolato si presenterà dinnanzi ai vostri occhi. Con percorso non obbligato si raggiunge Tza Fontaney (1h30) visibile alla propria sinistra.
Da qui il panorama che si apre dinnanzi agli occhi è indimenticabile: Monte Rosa, Monte Emilius, Becca di Nona e Grivola sono solo alcune delle vette più famose che si possono ammirare.

Discesa: per il medesimo itinerario di salita (0h45).
Periodo consigliato: da Dicembre a Marzo
Avvertenze: : E’ importante non intraprendere itinerari sulla neve se il rischio di caduta valanghe è elevato sebbene la zona sia piuttosto protetta. Non è consigliato proseguire ulteriormente.

Mete accessorie: E’ possibile proseguire, solo in caso di condizioni del manto nevoso appropriate (assenza assoluta di rischio valanghe) sino alla cima del Monte Morion passando dal Col du Salvé (1h15 da Tza Fontaney).
Ultimo aggiornamento: Giovedì 10 Gennaio 2013
Tracciato GPS:
Clicca per ingrandire il tracciato

Coordinate GPS punti clou:
Artset: N45 48.176 E7 29.641 – 1920 m s.l.m.
Bivio: N45 48.233 E7 29.176 – 2127 m s.l.m.
Tza Fontaney: N45 48.864 E7 29.021 – 2323 m s.l.m.

#ciaspole#racchette da neve#saint barthelemy#tza fontaney

Previous Post

Next Post

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *