Escursioni in Valle d'Aosta

Escursioni e Trekking in Valle d'Aosta

Colle del Trajo

Colle del Trajo

17 Settembre 2015 francois.burgay 0 Comments

COLLE DEL TRAJO – DESCRIZIONE ITINERARIO

Note caratteristiche: l’anello del Colle del Trajo, per quanto molto lungo e dal dislivello considerevole, permette di avere, in un’unica escursione, una panoramica completa di tutti gli ambienti alpini. Dal bosco fino a 2000 metri, alle ampie praterie che lasciano poi spazio alle pietraie, quindi ai ghiacciai. Vista imperdibile ed emozionante sulla Grivola una volta arrivati al Colle. Il nome Trajo (o Tradzo o Traso, come tra l’altro si pronuncia), viene da “loz traxioz. Nel 1500: loz traxios bestiarum = cammino tracciato seguito dal bestiame” (Guida dei Monti d’Italia del CAI).

Download “Tracciato GPS Colle del Trajo” colle_trajo-1.zip – Scaricato 172 volte – 124 KB

ITINERARIO
Località di partenza: Epinel (1423 m.)
Come arrivare a…: Da Aosta si prende la SS26 in direzione di Courmayeur seguendo però le indicazioni per Cogne. Usciti da Aosta e passato l’abitato di Sarre, ad un semaforo si svolta a sinistra imboccando la SR45 diretta appunto a Cogne. Ad una decina di chilometri dal comune capoluogo, si trova Epinel dove si lascia la macchina
Dislivello: 1724 metri
Difficoltà: EE
Tempo di percorrenza: 8h00
Segnavia: 27-5D-27B
Itinerario: dal parcheggio di Epinel si raggiunge un ponte nelle immediate vicinanze del campo sportivo dove solo collocate diverse paline segnaletiche recanti innumerevoli destinazioni. La nostra è “Colle del Trajo”.
Si imbocca quindi il sentiero, si ignora dopo poco una traccia che alla propria destra procede in piano e si continua a guadagnare quota nel bel bosco con pendenza costante, ma abbastanza sostenuta. Dopo circa 20 minuti di cammino si incontra un bivio per Grandzette-dessus, si ignora la deviazione a destra e si continua a salire fino all’Alpeggio Pianes (1694 m.) Poco dopo le costruzioni si raggiunge un ulteriore bivio dove occorre ignorare il sentiero alla propria sinistra per mantenersi sulla destra. La pista, sempre ben battuta, guadagna ulteriormente quota, tocca l’Alpe Trajo (raggiungibile in circa 5 minuti facendo una breve deviazione a destra in corrispondenza di un bivio segnalato, 1h15), quindi fiancheggia un Casotto del Parco Nazionale del Gran Paradiso (è presente una fontana con un’acqua gelida). Dal Casotto è possibile, guardandosi indietro e in alto, notare la poderosa cascata che scende dal tormentato ghiacciaio del Trajo. Pensate che da alcune foto di repertorio, il ghiacciaio era visibile, mentre oggi resta solo più che questa suggestiva cascata. Il bosco lascia poi spazio ad ampie praterie dove non è affatto raro avvistare branchi di camosci e stambecchi. A circa 2250 metri il sentiero attraversa il Torrent du Trajo e si porta sulla sua sinistra orografica seguendo, dapprima in maniera più ravvicinata, poi più distante, il corso d’acqua. Il Colle, che si vedrà soltanto alla fine, è preceduto da alte, quanto scenografiche, guglie di colore arancio.  Il sentiero compie una curva verso sinistra, quindi, dopo un tratto rettilineo piuttosto ripido, vira nuovamente a destra e si infila tra due delle suddette guglie. Un’ultima ripida (e instabile) rampa, prelude ad un pianoro sommitale dal quale senza ulteriori difficoltà, si raggiunge il Colle (2877 m. – 3h30).

“Sono modesti affioramenti in prevalenza di marmi, costituiti da rocce metamorfiche composte da cristalli di calcite e dolomite. Derivano da depositi sedimentari sul fondo dell’antico mare che circa 200 milioni di anni fa era al posto della catena alpina”
La precedente citazione da “Le Valli del Gran Paradiso e la Valgrisenche” di Luca Zavatta, ci permette di comprendere la geologia di queste curiose formazioni rocciose. L’escursionista più attento le noterà anche al Col de Belleface (il colle che si trova davanti al Colle del Trajo, alla sinistra orografica della Grivola) e al Col Rosset (tra Valsavarenche e Val di Rhemes). 

Dal Colle il sentiero, a volte non del tutto evidente, scende con ripidi e stretti tornanti su terreno detritico in direzione dell’ampio pianoro sottostante. Qualora lo perdeste, potete prendere come riferimento un grande masso con evidenti chiazze bianche. Raggiuntolo si prosegue in direzione NORD percorrendo l’intero pianoro con percorso mai obbligato, si supera una zona umida, quindi si scende fiancheggiando una suggestiva cascata in direzione dell’Alpe Grand Nomenon dove è stato costruito il bel Bivacco Gontier (2323 m. – 4h05).

Dall’alpeggio si continua a scendere fiancheggiato l’impetuoso Torrente Grand Nomenon, si ignora a 2268 m. il sentiero 5A che si diparte alla propria sinistra, per scendere in direzione di un ponte in legno che si percorre. La traccia ora si addentra nel bosco per poi uscirne all’altezza di un alpeggio ormai abbandonato. Qui il sentiero si addentra in una “foresta” di rabarbaro.
A 1986 si guadagna l’alpeggio Petit Nomenon (5h05), quindi si arriva all’altezza di un nuovo ponte. Non lo si supera perché si devia con decisione a destra percorrendo un sentiero che attraversa il suddetto alpeggio. Esso risulta sempre evidente anche se a tratti è stato totalmente invaso dall’abbondante vegetazione.
Il percorso è caratterizzato da continui saliscendi e, sebbene in alcuni tratti sia esposto (presenza di tratto attrezzato con corda e scalini), risulta sempre molto evidente.
Dopo una lunga progressione si raggiunge infine l’Alpe Grandzette dessus, superata la quale, si può abbandonare il sentiero 27B per deviare su una mulattiera alla propria sinistra che, un po’ ripidamente conduce sul fondo valle. Quindi in circa 5 minuti si raggiunge Epinel (8h00).

Discesa: l’itinerario è circolare
Periodo consigliato: da Luglio a Settembre
Avvertenze & Note: itinerario consigliato soltanto ad escursionisti ben allenati. Non presenta particolari difficoltà tecniche ad esclusione dell’ultima rampa detritica prima di raggiungere il Colle del Trajo e a un tratto attrezzato nella traversata dal Petit Nomenon all’Alpe Grandzette.
Mete accessorie: nessuna
Ultimo aggiornamento: Giovedì 5 Settembre 2013

Cartografia: L. Zavatta – Carta dei Sentieri– 1:25000 – Escursionista Editore

Bibliografia: : L. Zavatta Le Valli del Gran Paradiso e la Valgrisenche – Escursionista Editore – 2003 – pp. 73, 74, 75, 76 

Coordinate GPS punti clou:
Bivio Nomenon-Pousset: N45 37.545 E7 18.906 – 1693 m
Bivio Alpe Trajo: N45 37.223 E7 18.243 – 2039 m,
Colle del Trajo: N45 36.935 E7 16.353 – 2877  m
Bivacco Gontier: N45 37.393 E7 15.373 – 2323 m
Bivio Chantel: 
N45 37.542 E7 15.456 – 2268  m
Bivio Nomenon-Grandzette: N45 37.948 E7 15.417 – 1984 m

Download “Tracciato GPS Colle del Trajo” colle_trajo-1.zip – Scaricato 172 volte – 124 KB

#colle#epinel#itinerario#nomenon#percorso#trajo#traversata

Previous Post

Next Post

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *