Escursioni in Valle d'Aosta

Escursioni e Trekking in Valle d'Aosta

Blach Piccolo Rothorn

Blach – Piccolo Rothorn

21 Settembre 2015 francois.burgay 0 Comments

BLACH (PICCOLO ROTHORN) – DESCRIZIONE ITINERARIO DA AYAS

Note caratteristiche:il Blach, o Piccolo Rothorn, si eleva a EST del Monte Rothorn (3152 m.) e offre un eccezionale panorama sulla Catena del Monte Rosa, sulla Testa Grigia (parete Nord), sull’alta Valle di Gressoney e sulle vette più elevate della Val d’Ayas. Per un panorama più completo anche sulla Valle Centrale, sul Gran Paradiso, sul Monte Bianco e sul Cervino, occorre salire al Monte Rothorn. E’ altresi molto suggestivo l’altopiano dal color ocra che si attraversa oltre il Colle Nord della Testa Grigia (nella descrizione indicato come “Colletto 3011”).

Download “Tracciato GPS Blach (Piccolo Rothorn)” blach.rar – Scaricato 107 volte – 24 KB

ITINERARIO
Località di partenza: Ostafa (2409 m.)
Come arrivare a…: Da Champoluc si prende la funivia per il Crest e poi per Ostafa.
Dislivello: 634 metri
Difficoltà:EE
Tempo di percorrenza: 3h00
Segnavia: 12 – Segnavia Assente – 10 (numerazione di Gressoney)
Itinerario:Arrivati ad Ostafa con la nuova funivia, si scende seguendo una strada sterrata e si prosegue in direzione di un evidente sentiero che passa sotto una seggiovia (funzionante solo nel periodo invernale) che conduce al Colle Sarezza. Si prosegue con qualche saliscendi fino ad arrivare nelle immediate vicinanze di un rivo d’acqua contornato di massi di notevoli dimensioni. Non lo si attraversa e si devìa a sinistra abbandonando quindi il sentiero 12 (che conduce ai Laghi del Pinter) per seguire deboli tracce di sentiero che costeggiano i massi. Una volta contornati, si perde questa labile traccia e si inizia a salire in modo assai marcato (pendenza media del 45%) su erba (cautela in caso di terreno bagnato) nella conca compresa tra la Testa Grigia (a destra) e il Bec Forcü (a sinistra). A circa 2800 metri una pietraia detritica prende il posto dell’erba e, da questo punto in poi, occorre tenersi sulla destra di un evidente solco occupato molto spesso, anche in periodo estivo, da un nevaio. Si punta il più elevato dei “corni” rocciosi a sinistra della Testa Grigia e le evidenti pareti verticali sottostanti, cercando di rintracciare leggere tracce di sentiero con vecchi ometti che indicano la strada. Il Colletto 3011 è a sinistra del secondo dei due “corni” ed è il terzo intaglio a sinistra della Testa Grigia. Questo valico è il più facilmente accessibile. Ribadiamo l’importanza di portarsi quasi sotto il “corno” più alto e, solo in un secondo momento, deviare a sinistra passando sotto il secondo “corno” e arrivare al valico. In questo modo si evita un tratto (purtroppo segnalato da ometti che possono trarre in inganno) assai scivoloso e pericoloso. Giunti al colle (3011 m. – 2h15) si scende seguendo una lieve traccia ed evidenti ometti e si punta verso Nord in direzione dell’ultima cima (il Blach) posta a Nord-Est del Monte Rothorn. Purtroppo l’itinerario non è pianeggiante, se non in alcuni punti, in quanto si deve scendere e risalire onde evitare dei salti rocciosi non altrimenti superabili. Scendendo verso l’altopiano sottostante ci si immette sul sentiero 10 proveniente da Gressoney-la-Trinité (la via “normale” per la salita al Blach). Si supera un curioso fungo roccioso su cui è posto un segnavia e si continua fino alla vetta su cui è scritto in rosso “3025 metri” e su cui sono posti tre ometti di diverse dimensioni. Da qui si possono vedere, oltre alle vette elencate nella parte introduttiva dell’itinerario, il lago Saleroseebiene sottostante al Passo del Rothorn.

Discesa: per il medesimo itinerario di salita (2h30)
Periodo consigliato: Luglio-Agosto-Settembre
Avvertenze & Note: prestare eccezionale attenzione nel tratto di salita terminale su pietraia al Colletto 3011. Una volta arrivati al Blach non sporgersi sul versante Nord del monte in quanto strapiomba. E’ possibile collegare la salita al Blach al Monte Rothorn ripercorrendo a ritroso l’itinerario di salita dal Blach fino a quota 3012 m. (N45 50.593 E7 47.340) in pratica ai piedi della cresta Nord-Nord Est del Rothorn dove è posto un curioso ometto a forma di piccolo fungo (FOTO 14) . Da qui si sale seguendo una serie di evidenti ometti fino a raggiungere una fascia rocciosa posta ai piedi della vetta vera e propria. Si supera un canalino (I+) oltre il quale, dopo aver valicato un ultimo intaglio, si giunge alla cima.
Ultimo aggiornamento: Giovedì 27 Agosto 2009 

Coordinate GPS punti clou:
Ostafa: N45 50.075 E7 45.693 – 2409 m.
Bivio Colletto 3011: N45 49.964 E7 46.109 – 2488 m.
Colletto 3011: N45 50.167 E7 47.024 – 3011 m.
Bivio Rothorn: N45 50.593 E7 47.340 – 3012 m.
Bläch: N45 50.716 E7 47.484 – 3043 m.

Download “Tracciato GPS Blach (Piccolo Rothorn)” blach.rar – Scaricato 107 volte – 24 KB

#ayas#blach#crest#descrizione#itinerario#ostafa#percorso#piccolo rothorn#tracciato gps

Previous Post

Next Post

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *